competenze legali

PENSIONE DI REVERSIBILITA: IL DIRITTO VIENE MENO IN CASO DI ASSEGNO DI DIVORZIO UNA TANTUM

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza del 24 settembre 2018, n. 22434, dirimendo un’annosa questione di contrasto negli orientamenti della giurisprudenza di merito, ha stabilito che la pensione ai superstiti non spetta all’ex coniuge che non sia titolare di assegno divorzile periodico avendo percepito, all’atto del divorzio, l’assegno divorzile (o analogo emolumento , ad esempio usufrutto sull’abitazione coniugale) in unica soluzione.

Leggi tutto...

MANSIONI INFERIORI: in quali casi il lavoratore può rifiutarsi di adempiere?

La Corte di Cassazione è tornata a trattare, nell’ordinanza n. 24118 del 22 maggio 2018, la questione di un licenziamento intimato a fronte del rifiuto di un dipendente a cui era stato chiesto, dal datore di lavoro, di svolgere attività diverse, e nello specifico inferiori, a quelle per le quali era stato assunto.

Leggi tutto...

Nuovo orientamento della Suprema Corte in tema di assegno di divorzio

Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 18287 dell’11 luglio scorso, sono intervenute in materia di assegno di divorzio.
L’argomento era stato oggetto di recenti pronunce che avevano totalmente stravolto l’impianto alla base dell’istituto, slegandolo dal concetto di “tenore di vita dei coniugi” in costanza di matrimonio.

Leggi tutto...

Utilizzo delle agenzie investigative e controllo sull’attività del dipendente

(Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza del 4 settembre 2018, n. 21621)
Con la presente pronuncia la Corte di Cassazione è tornata sull’argomento relativo ai controlli che il datore di lavoro pone in essere, attraverso l’utilizzo di agenzie investigative private, nei confronti dei propri dipendenti.

Leggi tutto...

Il contratto a tempo determinato nella previsione normativa del “Decreto Dignità”

Il c.d. "Decreto Dignità" limita l’utilizzabilità del contratto a termine in contrasto con le modifiche che vi erano state apportate negli anni passati, e che avevano avuto il fine di renderlo uno strumento capace di garantire una maggiore flessibilità per le aziende nella gestione del personale.
La ricerca di uno strumento più agile aveva portato ad una graduale modifica della disciplina, con l’obiettivo, certamente raggiunto, di una maggiore semplificazione.

Leggi tutto...